Fico alla festa di Leu contro Orbán, la pace fiscale e lo stop alle Ong


Speranza: “Per te è sempre pronta una tessera. Spesso ci superi a sinistra…”

Roberto Fico con Maurizio Martina e Roberto Speranza

Il Presidente della Camera Roberto Fico ieri sera ha partecipato alla festa di Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista – Liberi e Uguali e ha confermato ancora una volta di essere l’anima di sinistra del MoVimento 5 Stelle, anche se questo gli costa un po’ in questo periodo, visto che chi è impegnato al governo, invece, sembra avvicinarsi sempre più a posizioni di destra a causa della collaborazione con la Lega. Forte del suo ruolo istituzionale e sostanzialmente super partes, Fico non si lascia condizionare dai compagni del MoVimento che fanno parte del governo Conte, come Di Maio e Toninelli, ma continua a esprimere il suo pensiero, tanto da meritarsi un invito da parte di Roberto Speranza che gli ha detto: “Noi conserviamo sempre una tessera per te in un angolino perché alcune cose che dici sono più a sinistra di noi”.

Ieri sera, infatti, di cose di sinistra Fico ne ha dette parecchie. Intanto si è scagliato contro il Premier ungherese Viktor Orbán, molto amico di Matteo Salvini, dicendo:

“Il punto centrale è che Europa vogliamo costruire. I paesi di Visegrad e Orbán non fanno gli interessi degli italiani perché se tu non vuoi accogliere gli immigrati che arrivano in Italia costruisci un Europa chiusa ed egoista”

Poi ha parlato delle vite da salvare in mare. Poche ore prima Luigi Di Maio aveva esultato per il fatto che non ci siano più navi di Ong nel Mediterraneo, invece il Presidente della Camera ha detto:

“L’Italia deve salvare tutte le vite umane in mare. Se ci riesce da sola bene, altrimenti chiede aiuto all’Europa”

e ha sottolineato come i salvataggi non possano essere lasciati alla Libia, perché non è in grado di occuparsene.

C’è stata poi qualche frecciatina sull’alleato di sempre di Salvini, Silvio Berlusconi, e a tal proposito Fico ha detto che “occorre varare una legge sul conflitto di interessi e quella sui tetti pubblicitari in Tv”, e, a proposito della scelta di Marcello Foa come presidente della Rai, Fico ha parlato di “silenzio colpevole di M5s sull’accordo di Arcore sulla presidenza Rai”. Sempre contro la politica della Lega, ha parlato della pace fiscale e ha detto: “Sono contrario a ogni tipo di condono fiscale, comunque si chiami questo condono fiscale”.

Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, Fico ha detto:

“La guerra tra poveri non va mai bene, non è mai auspicabile. Il provvedimento lo stanno elaborando con il ministro dell’Economia, che sta cercando con fatica il modo di attuarlo. Vedremo come sarà scritto, cosa si intende con cittadinanza italiana, perché ci sono tanti cittadini italiani di altre nazionalità. Vedremo come sarà scritta la legge”

Poi ha anche parlato del suo ruolo nel MoVimento 5 Stelle, sottolineando come il suo lavoro consista nel “sintetizzare le diverse posizioni, nell’interesse del Paese” e ricordando che all’inizio nel MoVimento “c’erano persone con posizioni di sinistra e di destra, ma che cercavano di lavorare per costruire un qualcosa che andasse oltre nell’interesse delle nostre città e dei nostri territori”.

Ieri sera era ospite anche Maurizio Martina, che ha detto che il Pd avrebbe dovuto prendere come una sfida al M5S le trattative che poi non furono avviate per l’opposizione dei renziani nel periodo subito dopo le elezioni, quando Lega e M5S sembravano essersi allontanati. Martina ha chiesto a Fico di “sfidare i tanti che nel suo M5S si voltano dell’altra parte su questioni fondamentali come i diritti umani e il rispetto della Costituzione”.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin