Erba velenosa nei fagiolini surgelati Ritiro precauzionale di Eurospin


Potrebbe esserci un’erba velenosa (la Datura stramonium) mescolata ai fagiolini surgelati, per questo il ministero della Salute ha diramato un richiamo, a titolo precauzionale, per rischio chimico. In particolare si tratta di alcune confezioni di Fagiolini finissimi surgelati prodotti dall’azienda Greenyard Frozen France sas di Moreac, in Francia, e commercializzati in Italia da Eurospin Italia Spa in buste da 600 grammi ciascuna a marchio Delizie Dal Sole. I lotti interessati sono due: 9043M e 9043MX con data di scadenza o termine minimo di conservazione 2/20121 e 1/2021. Nella nota del ministero precisato che i due lotti sono stati distribuiti solo nei depositi del Nord Italia. Chi avesse acquistato il prodotto, raccomanda il ministero, non deve assolutamente consumarlo ma restituirlo nel punto vendita. Sui campioni raccolti verranno eseguite le analisi peer stabilire se ci sia realmente l’erba velenosa. Nei giorni scorsi era scattato un allarme simile in Francia per buste di fagiolini surgelati venduti nel Paese da Carrefour.

L’erba del diavolo

Il ritiro precauzionale si reso necessario dopo la segnalazione della possibile presenza di materiale vegetale estraneo e pericoloso, che pu portare a gravi effetti sulla salute. Si tratta della Datura stramonium, lo stramonio comune, pianta infestante altamente velenosa a causa della concentrazione di potenti alcaloidi. La pianta, conosciuta anche come erba delle streghe o erba del diavolo, ha propriet narcotiche, sedative, allucinogene. Tutte le sue parti sono velenose, in particolare i semi. Si dice che la secchezza che provoca in bocca sia incontrollabile. L’erba cresce in modo spontaneo nei terreni incolti e ai margini delle strade e succede abbastanza di frequente che possa infestare i campi coltivati. A seconda delle quantit di erge ingerite – spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei diritti” – l’intossicazione da Datura, pu causare arrossamenti cutanei, allucinazioni, nausea e vomito, tachicardia, ipertensione e malessere generale. In certi casi, addirittura, se non si interviene rapidamente, porta anche al coma e alla morte

22 marzo 2019 (modifica il 22 marzo 2019 | 10:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin