Elefanti | Caccia | Botswana


In Botswana, il governo sta valutando la possibilità di riaprire la caccia agli elefanti. Ecco perché.

Caccia agli elefanti in Botswana

Cattive notizie arrivano dal Botswana, dove il governo sta valutando la possibilità di riaprire la caccia agli elefanti, dando vita a una campagna di abbattimenti selettivi che potrebbe portare addirittura ad utilizzare la carne dei pachidermi per realizzare anche della carne in scatola per gli animali domestici. Sarebbe questo il progetto del Governo con a capo il presidente Mokgweetsi Masisi.

Attualmente si conta la presenza di circa 130.000 elefanti in Botswana, un numero che secondo molti creerebbe problemi alle popolazioni rurali, che lottano per proteggere i propri raccolti. Secondo quanto emerge da un rapporto del consiglio dei ministri, presto potrebbe essere non solo revocato il divieto di caccia contro questi animali, ma potrebbe anche essere messa in atto una riduzione delle loro rotte migratorie sicure e l’introduzione di un programma di abbattimento selettivo.

Gli esperti spiegano intanto che, a causa dei cambiamenti climatici e della crescita della popolazione, gli elefanti si vedono sempre più costretti a lottare per proteggere il loro spazio vitale, e per questa ragione si sono trovati talvolta in “conflitto” con le popolazioni residenti. La riapertura della caccia è stata però accolta in modo contrastante.

A coloro che vedono con favore questa manovra (come i contadini e coloro che lavoravano nelle compagnie di caccia grossa), si contrappongono infatti coloro che sottolineano come, negli ultimi anni, il Botswana sia diventato una delle destinazioni turistiche per eccellenza per coloro che desiderano ammirare gli animali nel loro habitat naturale, e la riapertura della caccia agli elefanti potrebbe senza dubbio rovinare la reputazione del Paese, comportando un enorme danno alla sua economia.

via | La Stampa

Foto da Pixabay




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin