Editoria, gli Stati generali partono sul web


Aperta a tutti sul sito del governo, basta dare nome e email, la consultazione voluta da Crimi sul «mare magnum» dell’editoria in crisi, dal copyright al nuovo giornalismo, dalle agenzie di stampa ai contributi pubblici. Gli operatori accreditati, preselezionati dal Dipartimento editoria, avranno una piattaforma a parte con user e password. Partita con qualche ritardo alla vigilia di pasqua, la piattaforma si chiuderà il 18 maggio. A seguire, vari tavoli tecnici e convegni pubblici fino a un progetto di riforma … Continua

L’articolo Editoria, gli Stati generali partono sul web proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin