E’ morto Gary Kurtz, produttore di “Star Wars” e “American Graffiti”


E’ scomparso a 78 anni Gary Kurtz, produttore di classici come Star Wars, American Graffiti e Dark Crystal.

Il produttore e regista Gary Kurtz è scomparso all’età di 78 anni. Era noto soprattutto per le sue collaborazioni con George Lucas, tra cui American Graffiti e l’originale Star Wars.

Kurtz nasce a Los Angeles nel 1940 e inizia la sua carriera nell’industria cinematografica nel 1965, ricoprendo il ruolo di assistente alla regia e regista della seconda unità del western Le colline blu con protagonista Jack Nicholson. Dopo aver prestato servizio nell’esercito degli Stati Uniti, Corpo dei Marines dal 1966 al 1969, Kurtz ha ripreso la sua carriera nell’intrattenimento iniziando una fruttuosa collaborazione con Lucas producendo due classici del calibro di American Graffiti e Star Wars: Una nuova speranza che sono stati successi commerciali e di critica, e hanno fruttato a Kurtz due nomination all’Oscar per il miglior film.

Kurtz è morto di cancro il 23 settembre 2018. La sua famiglia ha rilasciato una dichiarazione che potete leggere a seguire.

Con profondo amore e rispetto, la famiglia di Gary Kurtz è triste nell’annunciarne la scomparsa. È morto di cancro il 23 settembre 2018, a nord di Londra, in Inghilterra. Gary era un amato marito, padre, nonno, amico, collega e mentore, il cui lavoro e talento abbracciavano film, fotografia, musica e storia del cinema. Era un marine, un giramondo, un avventuriero e un essere umano compassionevole e gentile. Il lavoro della sua vita è stato quello di condividere la meraviglia della narrazione audiovisiva attraverso l’arte del cinema. Famoso per il suo lavoro come produttore di American Graffiti, Star Wars, L’impero colpisce ancora e Dark Crystal, Gary era appassionato nel raccontare storie che condividevano l’umanità dei personaggi in modi divertenti per il pubblico di tutto il mondo. Gary era un uomo magnifico e ci mancherà moltissimo. Tutta la sua famiglia vi ringrazia per i vostri pensieri amorevoli.


Star Wars sarà sempre riconosciuto come una creatura di George Lucas, ma l’apporto di Gary Kurtz è stato altrettanto fondamentale per il successo iniziale del franchise, guidando “Una nuova speranza” attraverso lo sviluppo e curando la produzione dell’altrettanto popolare L’impero colpisce ancora. Kurtz aveva stretto un forte legame con il cast della trilogia originale e tutti ne avvertirono la mancanza quando abbandonò la saga prima della realizzazione de Il Ritorno dello Jedi. Mark Hamill ha ricordato quei momenti paragonandoli a “Papà e mamma divorziano”. Kurtz e Lucas non erano d’accordo sulla direzione intrapresa da Star Wars dopo l’Impero colpisce ancora, con Lucas che decise di concentrarsi prettamente sul lato spettacolare dei film, mentre Kurtz era infastidito dall’eccesso di attenzione al merchandise e sui cambiamenti che Lucas aveva apportato alla storia dei Jedi, i due non lavorarono mai più insieme. Dopo la collaborazione con Lucasfilm, Kurtz collaborò con Jim Henson come produttore e regista della seconda unità del fantasy Dark Crystal di Frank Oz e come produttore di Nel fantastico mondo di Oz del 1985.

Al momento della sua morte, Kurtz aveva due film in pre-produzione (Offbeat e The Chimeran), mentre il suo ultimo film uscito è il dramma Gangster Kittens del 2016.

 

La tensione tra gli attori va e viene. Alcuni giorni vanno d’accordo, altri no, ma questi sono solo i normali fraintendimenti che avvengono sotto pressione. Gli attori, più di chiunque altro, soffrono di continue ansie sul fatto che stiano facendo un buon lavoro, e cercano l’approvazione degli altri attori o membri della troupe. Essi infliggono a se stessi una sorta di infinita autoanalisi psichiatrica.

Gary Kurtz

 

 

 

 

Fonte: Variety

 

 




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin