Disco ironia negli anni oscuri del Thatcherismo



I Pet Shop Boys, tanto camp quanto chiaroscurali e minimali, entrano in scena nella seconda metà degli anni ’80, quando il pop glamour e/o elettronico sta tramontando in Gran Bretagna. Le loro influenze sono numerose e profondamente sentite, dall’house all’hip hop alla disco (newyorkese e italiana soprattutto). Fanno synth pop, ma non solo. Il loro è pop e al tempo stesso un discorso sul Pop. Similmente a XTC, Momus e altri nomi meno fortunati, sperimentano un approccio al genere del … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin