Decreto Crescita, arriva il condono anche per le tasse locali


multa

L’ultima bozza del cosiddetto decreto legge Crescita apre al condono per le tasse locali la cui riscossione spetta ai Comuni, alle Province e alle Regioni, dalle multe per infrazioni del codice della strada all’Imu, passando per la Tasi e l’Irap.

Un nuovo articolo, Estensione della definizione agevolata delle entrate regionali e degli enti locali, introduce la possibilità per gli enti territoriali – Comuni, Province o Regioni – di disporre la “definizione agevolata delle proprie entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale, stabilendo l’esclusione delle sanzioni“.

La definizione agevolata riguarderà soltanto le sanzioni o le entrate anche tributarie non riscosse dal 2000 al 2017: chi si dovrà mettere in regola potrà farlo senza tenere conto di eventuali sanzioni o interessi, a patto però l’ente a cui si devono dei soldi deciderà di introdurre la sanatoria.

La misura, infatti, è facoltativa e ogni ente avrà la possibilità di introdurla o meno, ma dovrà esprimersi entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, se e quando completerà il suo percorso senza subire ulteriori modifiche.

Foto | iStock


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin