Decameron 2.0, metti Boccaccio contro il drago tecnologico



Il dispositivo scenico e l’impianto drammatico messi in piedi da Letizia Renzini per il suo Decameron 2.0 che ha aperto la stagione del Metastasio di Prato, rivela tutto l’orgoglio umanistico e la competenza digitale dell’autrice. Che prende Boccaccio a spunto per una escursione, dilaniante e maieutica, fra le incomprensioni, le alienazioni e i dolori del tempo presente. La natura è matrigna, la tecnologia un drago contro cui niente può un san Giorgio di turno, la rivelazione della verità non è … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin