David Hockney è l’artista vivente più costoso al mondo


David Hockney è l'artista vivente più costoso al mondo

 Afp




David Hockney è l’artista vivente più costoso al mondo. Il suo “Portrait of an Artist (Pool with Two Figures)” è stato battuto all’asta da Christie’s a New York per la cifra record di 90,3 milioni di dollari. Il record precedente era di Jeff Koons, il cui “Orange Balloon Dog” del 1994 fu venduto sempre da Christie’s a New York nel 2013 per 58,4 milioni di dollari.(

Nato a Bradford, in Inghilterra, il 9 luglio del 1937, David Hockney è uno dei piu’ grandi esponenti della pop art e tra gli artisti piu’ importanti del ventesimo secolo. L’enorme tela “Portrait of an Artist (Pool with Two Figures)”, la sua opera più famosa, è del 1972 quando venne venduta a New York per 18.000 dollari.

“Allora pensavo fossero un sacco di soldi ma nel giro di sei mesi venne per 50.000 dollari”, ha ricordato con un pizzico di amarezza Hockney in un’intervista rilasciata lo scorso anno. Di piscine ha detto di averne dipinte almeno 20 perché “la sfida complicata di rendere la trasparenza dell’acqua” la trova “elettrizzante”. Dopo la Bradford School of Art, Hockney si iscrisse al Royal College of Art. Nel 1962, contestando l’obbligo di una tesi scritta, dipinse “The Diploma” sostenendo che avrebbero dovuto giudicarlo solo per la sua arte. Riconobbero il talento e gli diedero il diploma. Da lì la sua carriera è decollata ma il suo record personale, fino ad oggi, non aveva superato i 30 milioni di dollari.

I riconoscimenti ottenuti dai più importanti musei mondiali, tra cui Tate, Met e Pompidou, hanno spinto negli ultimi anni le sue quotazioni ed oggi è l’artista vivente più pagato. A mettere in vendita l’iconico dipinto di Hockney, recentemente esposto nella retrospettiva dell’artista al Metropolitan Museum of Art, è stato il miliardario Joe Lewis, noto collezionista che possiede anche opere di Picasso, Matisse, Francis Bacon e Lucian Freud.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin