Crollo permessi umanitari e sbarchi, dati di Viminale e Unhcr


Matteo Salvini dati permessi umanitari e sbarchi

I permessi umanitari concessi ai migranti giunti in Italia crollano mentre aumentano i dinieghi delle domande d’asilo. Così secondo i dati del Viminale diffusi oggi. Nel giro di un anno i permessi umanitari passano dal 27% del totale al 2% mentre, il rigetto delle richieste di asilo aumenta dal 56% al 77%.

In base ai dati, dall’inizio dell’anno all’8 marzo 2019 sono state presentate 7.189 domande di asilo per 16.311 decisioni già adottate e 76.779 domande pendenti, il 43,27% in meno rispetto al primo giugno 2018, quando erano 135.337.

Fonti del ministero dell’Interno precisano che l’inversione di rotta si è avuta da quando si è insidiato il governo Conte. Sulle 16mila e passa decisioni adottate nel 2019 (a parte i dinieghi e il 2% relativo alla protezione umanitaria) nel 10% dei casi è stato concesso lo status di rifugiato, dal 7% del 2018, e per il 6% la protezione sussidiaria, contro il 5% dello scorso anno.

In netto calo anche gli sbarchi, come confermano i dati Unhcr: tra l’1 gennaio e il 28 febbraio 2019 sono giunti in Italia 262 migranti, per il dato più basso degli ultimi cinque anni. Nei primi due mesi dell’anno scorso arrivarono in Italia circa 5.000 migranti, 13.500 nel 2017.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin