Cristina Parodi | La prima volta | Intervista


Video intervista a Cristina Parodi per il lancio di La prima volta, la domenica pomeriggio, su Rai1

A margine della conferenza stampa di presentazione de La Prima Volta (ogni domenica, a partire dalle 17:35, su Rai1 dopo Domenica In), Cristina Parodi si è fermata a chiacchierare con i giornalisti in sala per rivelare aspetti inediti del programma.

Mi ha convinto l’idea di raccontare storie belle di persone normali. Sono curiosa, mi piace ascoltare, raccontare delle storie. Quando abbiamo iniziato a guardare le storie dei nostri protagonisti, ci siamo resi immediatamente conto che sono persone bellissime, che rappresentano un’Italia meravigliosa, che sarà bellissimo far conoscere al nostro pubblico. Abbiamo confezionato queste storie con filmati eccezionali, fatti davvero bene dal punto di vista qualititativo. E’ sicuramente un prodotto bello e sicuramente molto emozionante.

Ha risposto carinamente anche alla domanda di Blogo: “Quanto c’è delle tue esperienze lavorative precedenti”?

Sai, raccontare storie l’ho sempre fatto. Al telegiornale erano notizie. Ma a La7, a La Vita in diretta soprattutto, ho sempre raccontato storie. Qui hai la possibilità di approfondirle, svilupparle con filmati molto belli, esterni ed interviste in studio. Vogliamo davvero arrivare a toccare il cuore.

Sul confronto tra la sua Domenica In e quella di Mara Venier…:

La stagione passata è stata particolarmente complicata ma con la soddisfazione di aver avuto qualche problema all’inizio ed essere arrivata alla fine con un prodotto bello, buono, con un buono ascolto ed una buona opinione pubblica. La Domenica di Mara è stata molto bella. L’ho vista a pezzetti. Mi è sembrata perfetta. Lei è molto giusta in questo ruolo. Sono molto felice perché il fatto che vada bene lei è di buon auspicio anche per il mio programma che viene subito dopo. Speriamo di fare un bel tandem, quest’anno per Rai1

Tra le storie che l’ha colpita particolarmente quella di Nicola “un ragazzo di Brescia che faceva l’indossatore, il modello. Ha avuto un terribile incidente stradale. E’ andato in coma per un mese, i medici non gli davano speranze. I familiari, e soprattutto i suoi amici, si sono piazzati nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale, per un mese, tutti i giorni, per stargli vicino, parlargli, mandargli i video dei suoi beniamini. Dopo un mese, Nicola si è svegliato miracolosamente. Dopo mesi di riabilitazione, ormai è passato un mese e mezzo, è tornato come era prima. Ad essere davvero un bel ragazzo. Lui potrebbe tornare tranquillamente a sfilare”




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin