Cosa si sa dei due casi di colera a Napoli e di una possibile epidemia (smentita)


Cosa si sa dei due casi di colera a Napoli e di una possibile epidemia (smentita)



Due casi di colera a Napoli. Lo comunica l’Azienda ospedaliera dei Colli. All’ospedale Cotugno, specializzato in malattie infettive, sono ricoverati un bambino di 2 anni, proveniente dall’ospedale pediatrico Santobono e la madre. Si tratta di due immigrati, rientrati di recente da un viaggio in Bangladesh, residenti a Sant’Arpino, nel Casertano. L’Asl competente è stata allertata e sono in corso le procedure previste dai protocolli. Sotto osservazione tutta la famiglia dei due pazienti che, spiega il commissario straordinario Antonio Giordano, sono in condizioni stazionarie. La situazione è definita sotto controllo.

La famiglia resterà in osservazione in ospedale fino a quando non emergerà con sicurezza la negatività al contagio. In ogni caso, la situazione è sotto controllo anche perché il colera è stato contratto con sicurezza durante il periodo di permanenza della donna e del bambino in Bangladesh, paese dove si erano recati in vacanza. La donna è in buone condizioni, mentre il piccolo, dopo un periodo in Rianimazione al Santobono, è ora stabile seppure in condizioni più critiche della madre. Dalla direzione del Cotugno sottolineano che il colera si trasmette esclusivamente per via oro-fecale, cioè con un contatto diretto con le feci della persona malata.

Leggi anche l’articolo del Mattino

Nessuna epidemia

“Non c’è epidemia. Ci sono due casi in cui abbiamo riscontrato sintomatologia da infezione da batterio del Vibrio Cholerae, e manderemo campioni all’Istituto superiore di sanità per conferma”. Lo dice all’Agi Carlo Tascini, direttore della prima divisione malattie infettive dell’ospedale Cotugno. “Dati i tempi dell’incubazione della malattia e della loro permanenza in un Paese a rischio e del rientro in Italia – spiega – non vi è dubbio che la malattia sia stata contratta all’estero. Abbiamo avviato tutti i protocolli previsti anche sui familiari”.

Il direttore generale dell’Asl Napoli 1, Mario Forlenza, sottolinea che “gli organismi preposti dell’azienda (Dipartimento di Prevenzione, Unità Operativa Epidemiologia e le Unità Operative Prevenzione Colletiva Distretti Sanitari n. 27 e n. 28) hanno prontamente ottemperato a tutte le obbligazioni normative e ai protocolli sanitari e amministrativi per i casi in questione”. Si è provveduto dunque ad avviare una indagine epidemiologica e a segnalare la obbligatorietà dei controlli aeroportuali nonché alla attivazione dei sistemi di flusso informativo con il ministero della Sanità. “La situazione sanitaria allo stato è sotto controllo sia dal punto di vista clinico che epidemiologico trattandosi di casi ad origine extra-nazionale al momento si è in attesa degli esiti degli accertamenti dell’istituto Superiore di Sanità”.

Leggi anche l’articolo di Repubblica

Come si manifesta il colera

Spiega il direttore scientifico Inmi Spallanzani, Giuseppe Ippolito: “La precoce identificazione dei 2 casi di Napoli evidenzia il ruolo rilevante dalla rete dei reparti di malattie infettive distribuiti capillarmente su tutto il territorio italiano che, attraverso una approccio sindromico, riescono a gestire efficacemente anche patologie inusuali come il colera virtualmente assente da anni sul territorio nazionale”.

L’esperto ricorda che il colera è una malattia infettiva batterica causata dal vibrione del colera caratterizzata da vomito e numerose scariche di diarrea con feci acquose e profonda disidratazione. Può portare a morte neonati o anziani che non vengano prontamente reidratati per via orale e/o endovenosa. La presenza di colera in paesi poveri è direttamente associata a un generale stato di povertà e di degrado con carenza di acqua potabile e a inadeguate condizioni sanitarie.

Attualmente nella penisola arabica in Yemen è presente la più grande epidemia di colera al mondo favorita dalla completa assenza di sanità pubblica e dalla guerra civile in atto nel paese ignorata dai mass media italiani. Sono stati segnalati più di 1.100.000 casi e 2.300 morti negli ultimi 14 mesi. In Europa gli ultimi casi risalgono al 2015: uno in Germania e uno in Belgio. Durante l’allarme colera del 1973, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive ricoverò 4 dei 9 casi di colera diagnosticati in Italia e gestì in regime di ricovero circa 3000 persone con diarrea con diversa causa infettiva. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin