Cosa prevede il decreto sicurezza per il caso Sea Watch 


sea watch decreto sicurezza 

Agf


Migranti sulla Sea Watch




Multe salate, sequestro della nave (in caso di recidiva), poteri al prefetto di erogare le sanzioni. Il decreto sicurezza bis, approvato in Cdm l’11 giugno, contiene misure che potrebbero essere applicate, per la prima volta, proprio al caso Sea Watch, la nave Ong battente bandiera olandese che senza autorizzazione si è recata a Lampedusa, dopo giorni di attesa al confine delle acque territoriali italiane con 42 migranti a bordo.

L’articolo 1 infatti prevede che il ministro dell’Interno possa “limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale, salvo che si tratti di naviglio militare o di navi in servizio governativo non commerciale, per motivi di ordine e sicurezza pubblica” ovvero quando si concretizzano le condizioni di cui all’articolo 19 della Convenzione di Montego Bay (sul cosiddetto “passaggio inoffensivo”).

Il provvedimento viene adottato “di concerto con il ministro della Difesa e con il ministro delle infrastrutture e dei Trasporti, secondo le rispettive competenze, informandone il presidente del Consiglio dei ministri”.

In caso di violazione del divieto notificato al comandante (come accaduto nel caso della Sea Watch) e, se possibile, all’armatore e al proprietario della nave (articolo 2) “si applica a ciascuno di essi la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 10.000 a euro 50.000”. In caso di reiterazione, scatta “la sanzione accessoria della confisca della nave, procedendo immediatamente a sequestro cautelare”.

A irrogare le sanzioni è il prefetto territorialmente competente. 

Oggi la nave, battente bandiera olandese, ha deciso di entrare in acque territoriali italiane: “Basta, entriamo. Non per provocazione, per necessità, per responsabilità” ha scritto dal profilo twitter, la Sea Watch 3 ha annunciato l’intenzione di entrare nelle acque territoriali italiane. Nel post precedente, si rilanciano le parole della comandante Carola Rackete: “Ho deciso di entrare in porto a Lampedusa. So cosa rischio ma i 42 naufraghi a bordo sono allo stremo. Li porto in salvo”. 

In diretta Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha detto che verrà usato  ogni mezzo lecito per fermare lo sbarco. “Useremo ogni mezzo lecito per fermare una nave fuorilegge, che mette a rischio decine di immigrati per uno schifoso giochino politico. Non darò l’autorizzazione allo sbarco a nessuno. Il comandante è avvisato: useremo ogni mezzo democraticamente concesso per bloccare questo scempio del diritto”.

“Mi sono rotto le palle” di vedere “l’Italia trattata come un paese di serie B. Chi sbaglia paga. La nostra pazienza e’ finita. L’Olanda ne rispondera'”.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin