Coppi, mai una vittoria a mani alzate


È il 1940, Fausto ha appena vinto il suo primo Giro d’Italia. Il 29 agosto, mentre pedala sulle strade intorno a Castellania, viene fermato da una giovanissima tifosa che gli chiede un autografo. Lei si chiama Bruna Ciampolini, di Sestri Ponente, ospite degli zii di Villavernia. Amore a prima vista. I due si incontrano varie volte a Varazze e Genova, dove quell’anno Fausto ha scelto di allenarsi, e anche quando, pur arruolato nel 38° Battaglione Fanteria a Tortona, usufruisce di … Continua

L’articolo Coppi, mai una vittoria a mani alzate proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin