contrasto governo-Sala. Candidatura a rischio


Il sindaco di Milano vuole il nome della sua città in testa al brand.

Giuseppe Sala su Olimpiadi Invernali

Il banco della candidatura italiana a ospitare le Olimpiadi Invernali 2026 rischia di saltare definitivamente. Il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento e responsabile dello Sport per il MoVimento 5 Stelle Simone Valente oggi ha detto:

“Le parole di Sala non sono allineate con quanto emerso nel recente incontro a Palazzo Chigi. Mettiamo un punto fermo a questo paradosso: non è possibile procedere quando le condizioni proposte da Coni e Governo non sono sostenute da una città importante come Milano”

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala, infatti, pretenderebbe un ruolo di punta per la sua città, vorrebbe il nome in testa nel brand rispetto alle altre due città, ossia Torino e Cortina. Mentre era al Global Climate Action Summit di San Francisco, infatti, Sala ha pubblicato un video sul suo account Facebook nel quale ha spiegato che “il ruolo di Milano deve essere chiaro” per quanto riguarda la candidatura alle Olimpiadi 2026.

Sala è stato sempre molto critico nei confronti della candidatura unitaria e, a dire il vero, anche la sindaca di Torino Chiara Appendino non è che abbia fatto i salti di gioia, a differenza del governatore del Veneto Luca Zaia, che, invece, è piuttosto soddisfatto, ben sapendo che Cortina avrebbe un ruolo fondamentale.

Intanto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giancarlo Giorgetti, che ha la delega allo Sport, ha detto che domani il governo svelerà qual è la sua posizione. Ricordiamo che entro mercoledì l’Italia dovrà dare una risposta definitiva al Cio, il Comitato Olimpico Internazionale che organizza le Olimpiadi.

Nelle prossime ore capiremo se la candidatura italiana ci sarà e sarà unitaria come era stato deciso o riguarderà solo una delle tre città in lizza.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin