Condannato per empietà, morto per intransigenza…



Non vi è processo della storia antica greco-romana che possa competere per fama con quello a Socrate, svoltosi ad Atene nel 399 a.C. Molta della importanza attribuita in seguito a questo evento è legata alla conseguenza diretta della condanna con cui esso si concluse: la morte del filosofo, costretto a bere la cicuta in carcere, dopo aver conversato, pacatamente e a lungo, sull’immortalità dell’anima con amici e discepoli, secondo l’indimenticabile immagine che ci regala il Fedone di Platone. Questa morte … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin