Come funziona la app del Papa


Come funziona la app del Papa

Tiziana FABI / AFP
 


Papa Francesco




Non poteva di certo mancare il profilo del Santo Padre nell’app realizzata per condividere le proprie preghiere con migliaia di fedeli nel mondo. Durante l’Angelus del 20 maggio, Papa Francesco ha annunciato l’adesione alla piattaforma ClickToPray, vero e proprio social network a vocazione religiosa sviluppato dalla Rete mondiale di preghiera del Papa e dal Movimento eucaristico giovanile.

Leggi anche: Il bello della app del Papa

Non di Tweet, post o stories è popolato il servizio: gli utenti di ClickToPray sono invitati a condividere le proprie preghiere, alle quali altri utenti potranno esprimere vicinanza premendo il pulsante “prega”. Una sorta di like con il quale – questa è l’intenzione – un fedele può esprimere solidale vicinanza ad altri credenti in tutto il mondo.

Ma tra i molti profili attivi sulla piattaforma – all’accesso l’app ci informa che sarebbero oltre 780 mila gli utenti che hanno pregato “con il Papa” questo mese – non mancano anche detrattori, profili falsi e troll. Tra questi, alcuni post-preghiera ricordano gli scandali che hanno coinvolto la Chiesa facendo riferimento alla pedofilia, mentre un altro utente – che porta le insegne degli hacker di Anonymous nella foto profilo – chiede in tedesco all’Onnipotente “di permettere al Papa e agli sviluppatori di eliminare i bug delle lingue nell’app”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin