Come è andato alla fine il raduno dei ‘terrapiattisti’ di Palermo


terrapiattisti raduno palermo

Ann Ronan Picture Library / Photo12 


 Un buco nero suopermassiccio




Tra buchi neri come ‘mentine’ e manipolazioni degne di Matrix e dei poteri forti, Soros e America in testa, i terrapiattisti sono sbarcati a Palermo nel week end.

Dieci ore, dalle 9 alle 19 di domenica, per mutare prospettiva e imparare a mirare orizzonti senza curvature con gli interventi degli organizzatori: Agostino Favari, Albino Galuppini, Calogero Greco.

Un mix tra esoterismo e complottismo – le Torri Gemelle erano “vuote per accogliere antenne satellitari” – e confutare le più comuni concezioni scientifiche: dalla forza di gravità all’esistenza dei pianeti. Dall’astronomo Keplero alla Nasa, tutto viene “rottamato” dai relatori che, tra sorrisi e smorfie dei partecipanti, incuranti procedono nei loro interventi pacati.

“Viviamo dentro una gabbia di controllo senza sbarre che ci imprigiona – rivela Galuppini – Chiedete agli autori di Matrix, un film profetico e predittivo”. Ma chi c’è all’origine di questa manipolazione? “Dietro le quinte ci sono i poteri occulti come Soros e gli Stati Uniti”. Tra video tratti da YouTube, cartine, la bandiera d’Italia e astrusi calcoli geometrici, ogni cosa è utile per demolire le conoscenze più comuni.

Leggi anche: I dieci principali argomenti a sostegno delle teorie dei terrapiattisti

Frutto di un inganno, persino lo sbarco sulla Luna o la prima immagine di un buco nero: “Un falso – assicura Galuppini che liquida la vicenda con una battuta – sembra una mentina: un buco con la menta intorno. Un’immagine artefatta, vi hanno preso in giro per tutta la vita”. Esorta la platea “a informarsi ‘zeteticamente'” e a supporto delle sue teorie cita le rotte dei voli intercontinentali: “Osservando dalla cabina l’orizzonte si intuisce chiaramente che la terra è piatta. Infatti a breve elimineranno i finestrini dagli aerei”.

terrapiattisti raduno palermo

La conferenza stampa dei terrapiattisti a Palermo

Magellano, Galileo, quindi, se non “in malafede sono stati comunque strumentalizzati dai poteri occulti per la costruzione di un nuovo ordine mondiale che comincia con le teorie eliocentriche”. E la più grande fake news è “la negazione dell’esistenza di Dio e del diavolo”.

Eppure non mancano i sostenitori, anche se una sparuta minoranza. “Le teorie sulla terra piatta mi hanno sempre affascinato. Mi piace andare contro le tesi preconfezionate che il sistema propina”, racconta Eliana Urbano Raimondi, una ragazza di 24 anni laureata in didattica dell’arte e curatrice di mostre. Al collo porta un ciondolo di cuoio realizzato con le sue mani e che raffigura la terra piatta. Tra le tesi illustrate dai relatori, anche l’esistenza dei giganti – il regno di Tartaria scaturito, per Galuppini, dall’ibridazione fra gli angeli decaduti e donne terrestri – ipotesi che stuzzica la sua curiosità: “La fattura di alcuni monumenti, come le piramidi egizie, fanno riflettere – suggerisce Eliana – secondo alcuni potrebbero essere opera di ciclopi o di tecnologie a noi non pervenute”. 

In una sala quasi al completo ma con una nutrita presenza di giornalisti e fotografi, tanti gli scettici: e se si fanno troppe domande, si passa per “troll pagati per creare scompiglio”. Ad esempio, Marco Guzzio, 38 anni, laureando in Storia e filosofia, ha scelto di partecipare con un puro intento documentaristico: “Ne sentivo vociferare da anni, come una realtà lontana e diafana – spiega – ma una volta che si ha la possibilità, credo sia un dovere dare un volto a queste tesi”.

C’è perfino chi si è presentato con il chiaro intento di svagarsi “come fosse uno spettacolo, anzi, di più: un cabaret – rivelano Vincenzo Tura e Francesco Sinacori – facciamo parte di un gruppo di fantacalcio e volevamo portare una decina di persone. Con una spesa di appena 20 euro (il costo per partecipare al convegno) e’ un’occasione unica in cui sai che riderai tutto il tempo”.

Delle centinaia di presenze ipotizzate in un primo momento nella stanza, che può ospitarne solo 100, alla fine se ne contano poco più della metà. Forse, a sgonfiare il successo dell’iniziativa, l’annunciata presenza di Beppe Grillo, poi smentita: “Non l’abbiamo mai invitato – ci tengono a precisare gli organizzatori – Si tratta di una boutade, ma lo ringraziamo ugualmente per la pubblicità non richiesta che ci ha regalato”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin