Classe C, i ritocchi alla campionessa


Lussemburgo Dalle prime 190 alle ultime C-Class sono passati 36 anni. Nei quali 9,5 milioni vetture con la stella… in fronte hanno percorso le strade di tutto il mondo. Ora il modello Mercedes-Benz di maggior successo commerciale si presenta con un moderato restyling e un upgrade tecnologico importante che parte dai motori.

Berlina, wagon, coup e cabriolet

L’aggiornamento prende il via con la berlina e la station wagon gi disponibili in concessionaria. A settembre sar la volta della coup e della cabriolet, che completeranno la gamma. Il model year 2019 (nome in codice W205) si riconosce per alcuni dettagli estetici nei fari a Led o Multibeam e nella calandra che riprende i baffi delle versioni pi importanti. Si amplia anche la gamma colori. Rivisti nel disegno i cerchi. All’interno spicca la nuova plancia digitale, che misura ben 12,3 pollici (31,2 cm), il display multimediale centrale di 10,25 pollici e il nuovo volante multifunzione con touch control, una sorta di piccolo mouse tra le razze. Molte possibilit di personalizzazione in termini di colori e materiali, compresi i nuovi rivestimenti in legno a poro aperto o l’illuminazione dell’interno in 64 colori.

I motori inediti

L’offerta dei motori parte dagli inediti 4 cilindri sovralimentati a benzina e Diesel rispettivamente 1.5 e 1.6. Due motori compatti, ma con una buona verve garantita, nel caso del benzina, dal supporto elettrico a 48 V (EQ Boost) che aggiunge 14 cv e 160 Nm di coppia motrice. I due litri a gasolio C 200d e C 220d e il C 300 a benzina, per ora non previsto in Italia, rimangono al vertice della proposta e possono essere accoppiati anche alla trazione integrale 4Matic. Ad esclusione del 200d tutti gli altri motori sono accoppiati al cambio automatico a 9 rapporti.

La versione ibrida

Assieme al 1.6 declinato in due potenze 129 cv (C160) e 156 (C180), arriva il 1.5 a benzina che va a sostituire i precedenti 2.0, tanto da essere identificato con la sigla C200. Baster per garantire un buon passo a una vettura di dimensioni generose? Pur avendo una cilindrata contenuta la casa dichiara una velocit massima di 234 km/h e un’accelerazione da 0-100 in 8,1 secondi (la berlina). Un risultato molto interessante, raggiunto grazie al turbocompressore twin scroll che modula la spinta ai bassi regimi e un sistema supplementare a 48 volt con alternatore a cinghia che innalza la potenza di 14 cv da 170 a 184 cv e aggiunge 160 Nm di coppia. Questo boost elettrico si apprezza in partenza e nel passaggio di marcia a regime costante, inoltre l’omologazione come vettura ibrida ne permette l’accesso in molte zone ZTL senza bisogno di pagare l’ingresso.

Tutti i Diesel sono Mercedes

Un’altra novit riguarda le versioni della Classe C con i Diesel pi piccoli, che abbandonano la partnership con Renault e passano a una tecnologia completamente Mercedes. Ecco debuttare il 1.6 Euro 6D — che abbatte drasticamente le emissioni degli NOx — in tre varianti: 122 cv per la C 180d e 150 per la C 200d (entrambe accoppiate al cambio automatico 9G-Tronic) e 160 cv per la C 200d (ma con il cambio manuale a 6 marce). Salendo in gamma si passa al 2.0 della C 220d a 2 o 4 ruote motrici, sempre supportato dal cambio automatico a 9 rapporti. Come per il benzina, anche i piccoli Diesel svolgono egregiamente il proprio compito di passisti con una velocit massima abbondantemente superiore ai 200 km/h. Ad esempio la C 200d con il 1.5 turbodiesel e il cambio 9G-Tronic, che dovrebbe diventare il modello di punta sul nostro mercato, dichiara i 222 km/h e scatta da 0-100 in 8,1 secondi nella versione berlina.

Silenziosit e risparmio

Sull’ultima Classe C, berlina o station wagon, si viaggia in un silenzio che sorprende. Del resto il motore 1.5 a benzina da 184 cv (C 200) d il meglio di s ai regimi intermedi, proprio dove il rumore e le vibrazioni sono impercettibili. L’unico appunto riguarda i consumi, perch se si insiste con l’acceleratore la percorrenza si assesta attorno ai 10 km/litro. Da questo punto di vista il classico Diesel 2.0 (della C 220d) rimane imbattibile. Pur essendo leggermente pi ruvido, i 194 cv spingono bene a tutti i regimi e anche con una guida brillante si rimane sui 15 km/litro. Al primo contatto internazionale con la stampa non era disponibile il 1.6 da 160 cv, una soluzione che potrebbe essere un giusto compromesso.

Assetto personalizzabile

Il Dynamic Body Control si regola attraverso un comando sulla consolle centrale e permette di scegliere uno smorzamento regolabile in tre livelli e uno sterzo pi diretto, sportivo. A tutto ci possibile aggiungere le sospensioni pneumatiche Air Body Control.

Le AMG

Le C pi sportive sono ovviamente quelle griffate AMG. La prima versione a debuttare, in luglio, stata la 43 4Matic con il motore V6 3 litri biturbo da 390 cv (+23 rispetto alla precedente) e il cambio Speedshift TCT AMG a 9 rapporti, che ha anticipato di qualche mese anche la 63, con il motore V8. In questi modelli la trazione integrale di serie. Il sistema fornisce una ripartizione della coppia asimmetrica: 31% sull’asse anteriore e 69 sul posteriore. Questo per rendere ancora pi efficace e gradevole la guida di una vettura autolimitata a 250 km/h, ma che accelera da 0 a 100 in 4,3 secondi, come una vera GT. La versione AMG proposta inizialmente sulla berlina, al prezzo di 77.599 euro. Si sale a 79.134 per la station wagon. In autunno arriveranno le AMG cabriolet e coup.

Il listino

AMG a parte, il listino parte da 37.000 euro per la berlina, a cui bisogna aggiungere 1.400 euro per la rispettiva declinazione wagon. Cinque motori, due cambi e due trazioni. Cinque livelli di allestimento dall’Executive (base) a Business, Sport, Sport Plus e Premium. Nelle 58 pagine del listino Mercedes c’ sicuramente da sbizzarrirsi per scegliere la versione che meglio soddisfa le singole esigenze. La forbice dei prezzi oscilla dai 37.178 euro della C180D Executive berlina ai 58.049 della C220d 4Matic SW Premium, escludendo le AMG di cui sopra. Tra le pi richiesta ci saranno sicuramente la C200d (manuale) berlina che nell’allestimento intermedio Sport costa 41.570 euro mentre la C200 SW (automatica) di pari allestimento con il piccolo benzina in listino a 47.963. Perle C200, C220d e C400, la versione V6 3 litri da 333 CV, disponibile la trazione integrale permanente 4MATIC con una ripartizione della coppia al 45% sull’asse anteriore e al 55% su quello posteriore, in questo caso di circa 2.400 euro.

17 agosto 2018 (modifica il 22 agosto 2018 | 11:23)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Autore dell'articolo: admin