Chiusura domenicale: varrà anche per l’e-commerce?


Firmatari Davide Crippa, Massimiliano De Toma, Rachele Silvestri e Andrea Vallascas, tutti del M5S

La legge per imporre la chiusura domenicale delle attività commerciali potrebbe coinvolgere anche l’e-commerce. È quanto si legge nella proposta di legge numero 526, presentata lo scorso 17 aprile alla Camera dei Deputati da quattro componenti del gruppo del M5S: Davide Crippa, Massimiliano De Toma, Rachele Silvestri e Andrea Vallascas. Nel testo di legge è infatti specificato il coinvolgimento anche delle attività commerciali abilitate alla vendita a distanza: “l’ambito di applicazione delle disposizioni proposte è determinato con riferimento a tutti gli esercizi commerciali, comprese le forme speciali di vendita al dettaglio e legate all’e-commerce di cui all’articolo 4, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114“.

E poi ancora: “nei giorni festivi il consumatore potrà continuare a collegarsi ai siti di e-commerce, scegliere e completare l’ordine di un prodotto, ma dovrà essere chiaro che l’attività commerciale in questione, se si svolge in Italia, non sarà esercitata in alcune delle sue fasi“. In pratica, qualora dovesse venire approvata questa versione del testo, i clienti potranno ordinare qualcosa nei giorni festivi, ma il loro ordine verrà effettivamente lavorato solo a partire dal giorno seguente.

E infine: “Si provvede conseguentemente all’abolizione delle liberalizzazioni introdotte dal Governo Monti (con il cosiddetto ‘Salva Italia’ varato con il decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, e convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, ndr), ripristinando la situazione precedente, con un ritorno alla liberalizzazione completa per i soli esercizi ricadenti nei comuni a carattere turistico“.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin