“Chiuderemo gli aeroporti ai voli charter dei migranti”


La Germania vuole accelerare i voli charter dei cosiddetti “dublinanti”

Tensione internazionale alle stelle. L’Unione Europea ed i partner hanno scelto il muro contro muro per rispondere alle richieste dell’Italia. Sul tavolo non c’è solo il Def italiano, ma anche la questione migranti. La Repubblica nei giorni scorsi ha riportato le parole di Petra Haubner, avvocato che assiste i migranti in Baviera, che ha spiegato che in Germania “c’è stata un’accelerazione micidiale” sul fronte dei ricollocamenti dei cosiddetti “dublinanti”.

Chi sono i “dublinanti” – Sono definiti “dublinanti” i migranti sbarcati in Italia e qui identificati, che successivamente si sono allontanati per andare in un altro Paese dell’EU. Come noto il Trattato di Dublino prevede che i richiedenti asilo non possano lasciare il Paese UE di primo approdo, per evitare che vengano presentate duplici richieste di asilo. Il Trattato è stato sospeso solo nel 2015 per volontà della Germania, che consentì l’ingresso nel Paese di profughi siriani arrivati in Ungheria dalla cosiddetta “rotta balcanica”.

L’avvocato Petra Haubner ha spiegato che i rimpatri verso il Paese di primo approdo sono saliti dall’1% al 10% nel 2018 e tra le varie destinazioni c’è, ovviamente e soprattutto, l’Italia. Nei giorni scorsi a tantissimi richiedenti asilo sarebbe arrivata una lettera per avvertirli che dal 9 al 19 ottobre saranno rimpatriati in Italia come riportato da Stephan Reichel, il presidente di “Matteo”, un’associazione delle chiese cattoliche e protestanti pro-immigrati.

Il Viminale ha fatto sapere che non sono arrivate comunicazioni dalla Germania in tal senso: “Non ci risulta che il governo tedesco ci stia riportando un numero di ‘dublinanti’ superiore al passato. Né che siano programmati voli charter dalla Germania nelle prossime settimane. Certo, se fosse vero, potrebbe essere un problema politico e diplomatico…

Oggi lo stesso Salvini ha parlato dell’ipotesi, annunciando di essere pronto ad opporsi: “Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c’è e non ci sarà nessun aereoporto disponibile. Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti”.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin