Chi ha perso il volo da Gatwick per colpa dei droni non sarà risarcito


droni gatwick risarcimento volo cancellato

Glyn KIRK / AFP
 


 Passeggeri in attesa nell’aeroporto di Gatwick



Nessun risarcimento per i passeggeri rimasti a terra per colpa dei droni in volo sull’aeroporto di Gatwick. Il secondo scalo di Londra è rimasto chiuso per oltre una giornata per la presenza di droni nella zona di atterraggio e solo nella mattina di venerdì è stato riaperto e la pista di atterraggio e decollo è stata resa disponibile.

Più di 120 mila le persone sono rimaste intrappolate nella bizzarra situazione mentre i droni venivano avvistati una cinquantina di volte. Per i malcapitati al danno si aggiunge la beffa: l’Autorità per l’aviazione civile ha informato che le compagnie aeree non sono obbligate a pagare una compensazione a coloro che sono stati colpiti da ritardi e annullamenti perché si tratta di “una circostanza straordinaria”. 

Alcuni voli sono in partenza e in arrivo, ma rimane ancora l’allerta tanto che l’aeroporto consiglia ai passeggeri di verificare lo stato del proprio volo con le compagnie aeree prima di partire, anche perché sono prevedibili numerosi ritardi e cancellazioni. Si prevedono circa 700 decolli, ma tutto comunque dipende dall’eventuale riapparizione dei droni. E ancora rimane un mistero chi fosse l’operatore da remoto dell’apparecchio.

“La pista di Gatwick è attualmente utilizzabile ed è previsto il decollo e l’atterraggio di un numero limitato di voli”, hanno fatto sapere le autorità aeroportuali.

L’aeroporto era stato chiuso mercoledì sera, intorno alle 22:00, dopo che erano stati avvistati due droni sopra la pista di atterraggio. Lo scalo ha riaperto brevemente durante la notte ma poi giovedì è rimasto chiuso per l’intera giornata, mentre i droni continuavano a riapparire, in una sorta di caccia del gatto al topo. 

Ad aiutare la polizia, che ha comunque parlato di “atto deliberato” per seminare il caos, è stata chiamato addirittura l’esercito; e la polizia ha anche valutato di abbattere il o i droni. Ora droni non se ne vedono più da giovedì sera. Ma è ancora buio pesto su chi fosse l’operatore remoto che gestiva l’apparecchio (o gli apparecchi). Secondo il Telegraph si è trattato di “guerriglieri ecologisti”. Chiunque sia rischia fino a cinque anni di carcere: la legge che regola l’uso dei droni è stata rafforzata proprio quest’anno nel Regno Unito e ne ha vietato l’uso entro un chilometro da un aeroporto e ad altitudini superiori ai 122 metri.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin