Chi è Mara Lapia, la grillina “delusa di sinistra”, picchiata a Nuoro


mara lapia aggredita

 Mara Lapia / Facebook


 Mara Lapia




Mara Lapia ha 42 anni, fa l’avvocato ed è alla sua prima esperienza da parlamentare. Sabato 15 dicembre è stata picchiata selvaggiamente da un uomo in un supermercato. Le ragioni non sono note e da una prima occhiata l’attività alla Camera nel gruppo dei Cinque Stelle non aiuta a spiegare.

Il giorno giorno prima dell’aggressione è stata protagonista di uno scontro con l’assessore regionale sardo alla Sanità sul taglio dei posti letto al reparto di Otorino a Nuoro. Ben poca cosa, rispetto alle battaglie cui sono abituati i grillini e moderata la risposta dell’assessore ‘tecnico’: “vada a studiare”. Ma di tutt’altro tono erano stati alcuni commenti in calce a un post sulla pagina Facebook dell’assessore Luigi Arru, tanto che sulla propria pagina la parlamentare  denunciato “pesanti offese personali. In particolare degli uomini poco signori”.

L’attività di parlamentare

Per il resto, da membro della Commissione Sanità della Camera, qualche ispezione in ospedali del nuorese, lo scontro con il forzista Pietro Pizzalis sul polo industriale di Ottana e il sostegno alla eliminazione dal decreto sui vaccini la norma contro l’obbligatorietà. Nulla più.

A raccontare chi è Mara Lapia è una intervista concessa a L’Unione Sarda dopo l’elezione con oltre 53mila voti e il 45% delle preferenze nel collegio uninominale di Nuoro. 

Originaria di Oliena e Orgosolo, sposata con un commercialista di Bitti e mamma di un bambino di 11 anni, vive e Posada e ha lo studio a Siniscola. Prima della laurea ha lavorato in Toscana, nell’Ufficio del Difensore civico, occupandosi soprattutto di casi di malasanità, dopo, alla Sapienza, ha preso un Master in criminologia, intelligence e security, con specializzazione in bullismo e devianze giovanili.

Delusa di sinistra

Si definisce “delusa di sinistra” e ha abbracciato il Movimento fin dalla sua nascita e quando lo staff di Luigi Di Maio ha valutato il suo curriculum e l’ha scelta, Mario Puddu, sindaco di Assemini e referente regionale, le ha affiancato Claudio Fancello, amministratore comunale a Dorgali, perché guidasse la sua campagna elettorale, vissuta visitando il maggior numero di paesi possibile, piazze, sale pubbliche. E, una volta in Parlamento, l’impegno a tornare periodicamente sul territorio.

Paladina del reddito di cittadinanza da quando, racconta, ha “toccato con mano la disperazione della gente, addirittura la fame di certe famiglie senza reddito” accusa gli scettici di “non conoscerne l’importanza e come verrà strutturato”.

Anche se è un deputato nazionale, dice di avere per la Sardegna un sogno: vederla “ridente, pulita da tutti i veleni, con mezzi di trasporto adeguati. Dove l’interno non patisca più isolamento e spopolamento. Dove gli ospedali funzionino e medici e infermieri possano lavorare in modo dignitoso. Dove le scuole non siano più aziende e i pastori non debbano più elemosinare ciò che gli spetta di diritto. Dove il turismo venga sfruttato dai nostri giovani che oggi fanno i lavapiatti a Londra”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin