chi è Claudio Andrea Gemme


Gemme si è detto disposto a ricoprire l’incarico.

Commissario straordinario Genova

Sabato 29 settembre 2018Claudio Andrea Gemme è stato intervistato oggi da Rainews 24 e ha spiegato di aver già parlato sia con il Premier Giuseppe Conte, sia con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli e di essere assolutamente pronto a ricoprire l’incarico di commissario straordinario per la ricostruzione del viadotto sul Polcevera, che è proprio la zona in cui è cresciuto. È disposto a dimettersi da tutti gli altri incarichi che ricopre attualmente per dedicarsi alla ricostruzione del ponte che è vitale per Genova. Per quanto riguarda i tempi, ha detto che ci vorranno una decina di giorni affinché il Presidente del Consiglio proceda al decreto di nomina, poi, ovviamente, servirà un periodo per mettere su una squadra qualificatissima di circa venti persone, esperti del settore, che si occupino delle fasi di demolizione del ponte esistente e ricostruzione. Ha anche spiegato che, conoscendo bene i venti che spirano in quella zona, non crede sia possibile ipotizzare il nuovo ponte come un luogo “di incontro” e di svago, come ha detto Toninelli, ma ha anche aggiunto di aver avuto un lungo e proficuo confronto con il ministro. Gemme conosce bene anche la situazione degli sfollati, poiché sua madre è tra di loro, sa che hanno bisogno di rientrare nelle case almeno per riprendere le loro cose e si è già fatto un’idea su quali palazzi vadano demoliti.

Il commissario straordinario per il ponte di Genova

Venerdì 28 settembre 2018 – Mentre il decreto per Genova è stato firmato oggi dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, non è stato ancora rivelato il nome del commissario straordinario che si occuperà della ricostruzione del ponte caduto lo scorso 14 agosto 2018. A delinearne l’identikit è stato il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini, che ha detto:

“Abbiamo dato un consiglio, un nome, un cognome e un curriculum di altissima professionalità, un genovese che ha girato il mondo”

Poi ha aggiunto, a proposito del nome che ha consigliato al Premier Giuseppe Conte:

“È coinvolto direttamente, anche tramite la famiglia, nel disastro. Serve un manager onesto, pulito, riconosciuto, il nome ce l’hanno sia Conte che Di Maio. Spero si chiuda oggi. Domenica e lunedì sarò a Genova”

Salvini ha anche detto che gli sarebbe piaciuto come commissario il sindaco di Genova Marco Bucci, ma, ha sottolineato “la decisione spetta a Conte”.

Oggi il Premier Conte è stato impegnato a parlare della manovra economica su cui il governo ha raggiunto l’intesa ieri sera e non si è ancora pronunciato su Genova e in particolare sul commissario straordinario.

Intanto il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, che era stato indicato inizialmente come commissario per l’emergenza, non è soddisfatto dal decreto Genova e teme che possano esserci numerosi ricorsi.

Chi è Claudio Gemme: il commissario voluto dalla Lega

Claudio Andrea Gemme

Secondo l’Ansa il nome che Matteo Salvini avrebbe fatto a Giuseppe Conte sarebbe quello di Claudio Andrea Gemme, 70enne genovese, proveniente da Fincantieri e voluto dalla Lega.

Gemme è presidente di Fincantieri Sistemi Integrati e direttore della Divisione Systems & Components di Fincantieri ed membro della giunta di Confindustria. Dovrebbe mettere d’accordo tutti, anche Giovanni Toti che lo voleva come candidato sindaco di Genova. La madre di Gemme è tra gli sfollati, per questo Salvini ha detto che è stato colpito personalmente dalla tragedia del crollo del Ponte Morandi.

Per procedere alla nomina ci potrebbero volere circa dieci giorni, serve un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, sentito il Presidente della Regione Giovanni Toti. Prima deve entrare in vigore il decreto firmato oggi dal Presidente della Repubblica, che sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin