Cesanese, il doc rosso cupo dei Castelli romani



rrivato a Serrone, dopo una serie di stradine tortuose, nel quartiere La forma, mi fermo al Bar Lazio. Da lì, in alto, il vecchio borgo s’intravede sopra una cinta muraria negli spazi che stanno tra i rami dei sempreverdi, dove scorgo una catena di case che, dal nucleo storico, si distendono e allungano sparse sul versante del monte Scalambra, alto e scuro, con sopra una cresta di bosco fitto di faggi, carpini e lecci. Conoscere un vino, come il Cesanese … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin