C’è un nuovo sospetto per la scomparsa di Maddie McCann


pedofilia maddie mc cann



C’e’ un nuovo sospetto nel caso, mai risolto, di Maddie McCann, la bambina britannica, che oggi avrebbe 16 anni, svanita nel nulla nel 2007 in Portogallo quando aveva 4 anni: è un pedofilo tedesco, Martin Ney, condannato all’ergastolo per la morte di tre bambini, il cui identikit corrisponde a quello di un uomo visto aggirarsi nei pressi del resort, poco dopo la sparizione della piccola.

L’uomo è una delle due ‘persone di interesse’ su cui gli inquirenti portoghesi stanno concentrando l’attenzione e che vogliono interrogare dietro le sbarre, scrive la stampa britannica. Ney è in carcere dal 2012 per aver rapito e ucciso tre ragazzini piccoli e abusato di molti altri. Conosciuto come l”uomo mascherato’, negli anni ’90 aveva viaggiato in Portogallo.

Le sue vittime note erano tutti maschietti (tre ragazzini tra i 13 e i 9 anni uccisi nell’arco di dieci anni, tra il ’92 e il 2001) ma gli esperti sostengono che il genere è spesso poco importante per i pedofili. L’anno scorso Ney avrebbe confessato un quarto omicidio ad un compagno di cella, un ragazzino francese di 10 anni, sparito da un campo scuola a Saint-Brevin-les-Pins nel 2004.

La sua immagine corrisponderebbe all’identikit di un uomo, visto nella zona di Praia da Luz, dove i McCann erano in vacanza, la notte del 3 maggio 2007. Gerry e Kate McCann, che devono anche fare i conti con i mai sopiti rimorsi per aver lasciato quella notte i tre figli da soli in una stanza a dormire mentre andavano a cena con gli amici in un ristorante del residence (quando Maddie sparì, nel lettino accanto dormivano anche i suoi due fratellini gemelli), non hanno mai perso le speranze di ritrovare la figlia.

Una portavoce della coppia, Clarence Mitchell, ha confermato che “potrebbe essere lui, corrisponde al profilo. È noto come un pedofilo, un predatore ed è straniero: con una mimetica, spesso armato di coltello, l’uomo si aggirava nei parchi e saltava fuori dai cespugli per ghermire le sue vittime.”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin