Caterina Balivo non sarà la madrina del Gay Pride


Caterina Balivo definita “omofoba”: ecco le dichiarazioni della conduttrice.

Il Pride dovrebbe abbattere le barriere, ma alcuni ne hanno alzata una attorno a me. È stata esclusa una persona che da anni dice che l’amore è il protagonista e non il genere“. Caterina Balivo doveva essere la madrina del Gay Pride di Milano del 29 giugno, ma a seguito di alcune polemiche innescate a causa di alcune vecchie frasi della conduttrice, ritenute offensive dalla comunità lgbtq, l’organizzazione ha rimesso l’incarico in comune accordo con la conduttrice. “Quando ti invitano a una festa e la festa ti piace sei sempre molto contenta di partecipare. Se poi capisci che una buona fetta di invitati non gradisce la tua presenza, allora è bene non andarci“, ha detto la conduttrice in un’intervista rilasciata a Chiara Maffioletti sul Corriere della Sera.

Sinceramente sono molto colpita e mi interrogo un po’ sul genere umano. Valgono più testimonianze, fatti concreti, messaggi, video fatti nei miei programmi, davanti a milioni di persone, o espressioni decontestualizzate, una frase infelice?“, si è domandata. L’essere definita omofoba, per lei, è una “grave offesa”. “Penso agli articoli sul web, a quella parola vicina al mio nome: ma i miei figli, se dovessero essere gay, leggeranno che la madre ha fatto dichiarazioni omofobe? Assurdo. Inviterò chi mi ha criticata e mi confronterò: questa cosa non finisce così. Quella su Ricky Martin se decontestualizzata è orribile. Ma era un video di una serata tra amici, si scherzava, così come i miei amici omosessuali scherzano quando dicono a mio marito: perché vai con le donne? Mi chiedo se conta più la facciata o la sostanza“.

Ha concluso la conduttrice: “Il primo matrimonio a cui è stato mio figlio, a cinque anni e mezzo, è stato un matrimonio gay e l’unica cosa che mi ha chiesto era perché non c’erano i confetti. Le mie amiche mi dicono: ma un amico etero da presentarci tu no eh? Hai solo amici gay. So quale è il mio percorso e il mio pensiero: non ci sto a essere additata, non ho mai discriminato nessuno. Una parte della comunità ha discriminato me“.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin