Carrà, lettura difficile di una modernità frastagliata



Tra Carlo Carrà e la città di Milano i rapporti sono sempre stati, ancorché a fasi alterne, molto stretti. Da principio, riguardarono la formazione dell’artista, il quale scelse l’Accademia di Brera come «bottega» di studio e perfezionamento tecnico; in seguito, nei primi anni del ventesimo secolo, offrirono al pittore piemontese un campo di sperimentazione stimolante ed esclusivo grazie soprattutto all’incontro con il movimento futurista; infine, portarono alla scelta di Carrà di risiedere permanentemente nel capoluogo meneghino, dove rimase fino all’anno … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin