Carole, la musa rivoluzionaria con l’arma della videocamera



«Sono una scrivana pubblica, solo che invece di usare la penna uso la videocamera», diceva Carole Roussopoulos. Alla pioniera del video come strumento di intervento civile la Médiathèque Valais di Martigny (in Svizzera) dedica la mostra intitolata Carole Roussopoulos. La vidéo pour changer le monde – fino al 28 ottobre. Nata a Losanna e scomparsa nel 2009, Roussopoulos è una figura di riferimento per comprendere il ruolo che la produzione audiovisiva ha svolto nelle più importanti lotte politiche del secondo … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin