Camminare a passo spedito allunga la vita di oltre 10 anni


Chi cammina a passo spedito vivrebbe più a lungo rispetto a chi invece ha un’andatura più lenta, a prescindere dal peso. A stabilire per la prima volta una correlazione fra la velocità della falcata e l’aspettativa di vita è stato uno studio condotto dai ricercatori dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sulla Salute (NIHR) del Leicester Biomedical Research Center (una partnership fra gli ospedali di Leicester, l’Univerità di Leicester e la Loughborough University) e pubblicato sulla rivista Mayo Clinic Proceedings. Analizzando i dati di 474.919 persone con un’età media di 52 anni contenuti nella Biobanca britannica fra il 2006 e il 2016, è emerso che le donne che camminano a passo veloce hanno un’aspettativa di vita di 86,7-87,8 anni, mentre gli uomini di 85,2-86,8 anni; valori che scendono – rispettivamente – a 72,4 anni per le donne e a 64,8 anni per gli uomini se l’andatura rallenta. I risultati valgono anche nel caso in cui le persone siano gravemente in sovrappeso oppure obese.

Cinquanta abitudini che ti possono aiutare a vivere più a lungo (secondo la scienza)


Mangia proteine vegetali


Aspettativa di vita

«Le nostre scoperte suggeriscono come la forma fisica sia un indicatore migliore dell’aspettativa di vita rispetto all’indice di massa corporea – ha spiegato il professor Tom Yates dell’Università di Leicester e principale autore dello studio – e che incoraggiare le persone a camminare a passo spedito possa aggiungere degli anni alle loro vite». In passato altre ricerche avevano evidenziato l’impatto del peso corporeo e della forma fisica sulla mortalità in termini di rischio relativo. Ma come ha sottolineato il dottore Francesco Zaccardi, epidemiologo al Leicester Diabetes Centre e co-autore dello studio, «interpretare un rischio relativo non è sempre facile, mentre, al contrario, la relazione in termini di aspettativa di vita è più semplice da comprendere e dà un’idea più chiara dell’importanza separata e congiunta dell’indice di massa corporea e della forma fisica».

18 maggio 2019 (modifica il 18 maggio 2019 | 12:30)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin