bullizzato a 11 anni perché si chiama Trump, cambia nome


Usa: bullizzato a 11 anni perché si chiama Trump, cambia nome



Un bambino di 11 anni con un cognome ingombrante è stato preso a pugni e bullizzato a scuola e la famiglia ha deciso di cambiargli il cognome, almeno all’interno del sistema scolastico. Megan Trump Berto ha raccontato che i bambini della Talley Middle School di Wilmington, nel Delawere, hanno reso la vita impossibile a suo figlio Joshua. è il Washington Post a raccontare la storia.

“Imprecano contro di lui, lo chiamano idiota e stupido”. I problemi per il piccolo Joshua erano iniziati durante la campagna presidenziale di Trump. Bobby Berto, patrigno di Joshua, che non è imparentato col presidente americano, già l’anno scorso ha tolto il figlio da scuola, pensando che le cose sarebbero andate meglio quest’anno alle medie. I genitori di Joshua hanno incontrato il personale della scuola per sensibilizzarlo sul problema. Ma il bullismo non si è fermato.

“Ha detto che odia se stesso, e odia il suo cognome, e si sente triste tutto il tempo, e non vuole piu’ vivere in quel modo”, ha dichiarato la madre di Joshua. Mark Mayer, il preside dell’istituto, ha affermato che provvedimenti disciplinari sono stati presi nei confronti di 5 studenti. “Si sono scusati e hanno detto che erano dispiaciuti”, ha raccontato il preside a un giornale locale. “So che gli insegnanti erano a conoscenza del cognome e so, parlando con lo studente, che hanno fatto del loro meglio per cercare di non pronunciarlo”, ha detto Mayer.

Sembrava che le cose si fossero in qualche modo sistemate, ma poi la mamma ha raccontato altri due episodi di bullismo, secondo quanto riportato da Nbc News, uno in classe di educazione fisica e un altro in uno scuolabus. Ora Joshua sta cambiando il suo cognome, almeno nel sistema scolastico, all’interno degli elenchi delle scuole. è stato sempre il patrigno ad annunciarlo. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin