Bulgaria, violentata e uccisa la giornalista Viktoria Marinova


La giornalista, nell’ultima puntata del suo programma, aveva parlato di corruzione.

Viktoria Marinova giornalista bulgara uccisa

A Sofia oggi ci sarà una manifestazione di protesta in ricordo di Viktoria Marinova, la giornalista bulgara che è stata ritrovata senza vita sulle rive del Danubio a Ruse, sabato scorso, 6 ottobre 2018. Ieri la Procura di Ruse ha tenuto una conferenza stampa nel corso della quale è stato spiegato che al momento gli inquirenti stanno indagando su tutte le piste possibili.

La giovane giornalista, 30 anni ma già direttrice amministrativa della tv locale TVN, sarebbe stata aggredita in un parco mentre faceva jogging e, probabilmente, anche violentata dal suo aggressore.

Per ora non è escluso alcun movente, né quello dell’aggressione “casuale”, né quello legato al suo lavoro. In particolare, proprio nell’ultima puntata del suo programma Detektor, Marinova aveva invitato due giornalisti investigativi, Dimitar Stoyanov e Attila Biro, che nelle scorse settimane erano stati fermati dalla polizia mentre indagavano su corruzione e fondi europei e la loro inchiesta chiamava in causa la compagnia GP Group.

In Bulgaria i temi della violenza di genere e della libertà di stampa sono molto dibattuti, perché in entrambi il Paese è piuttosto arretrato. Il fatto che una giovane giornalista sia morta in quel modo ha colpito l’opinione pubblica, per questo è stata indetta anche una manifestazione in suo onore.

Intanto la sezione bulgara dell’Association of European Journalists chiede un’indagine “efficace e veloce”, verificando se dietro l’omicidio ci possono essere delle motivazioni professionali.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin