Bruguera, prove di commozione sui migranti



Rivivere l’esperienza attraverso una percezione multisensoriale che la riattiva, quell’esperienza: è l’obiettivo di tutta l’arte partecipativa, col suo picco negli anni sessanta e settanta, ma non c’è da stupirsi che la Tate Modern continui a perseguirlo quotidianamente. I suoi spazi sono ideali per sviluppare relazione e interazione, superando la logica espositiva del museo tradizionale a favore di un’ipotesi collaborativa: era questa l’idea dei suoi architetti Herzog & de Meuron, che nel 2000 mostrarono al mondo la trasformazione di una ex … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin