Brexit, la Camera dei Comuni ha votato una legge che impedisce il “no deal”


Il governo May deve chiedere un’ulteriore proroga.

La scorsa notte la Camera dei Comuni ha votato una legge che impedisce l’hard Brexit, ossia l’uscita del Regno Unito dall’UE senza un accordo. È stata votata trasversalmente, firmata dal laburista Cooper e dal conservatore Letwin, ed è passata per un solo voto: 313 contro 312.

Questa legge impone al governo di chiedere una proroga nel caso in cui il 12 aprile si sia ancora in una situazione di “no deal”, ossia senza accordo. La legge è vincolante, quindi Theresa May sarà obbligata a chiedere la proroga. Ora il testo passa alla Camera dei Lord, che dovrebbero approvarla salvo altri scontri.

L’Ue molto probabilmente accetterà la richiesta di proroga, ma ad alcune condizioni: il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker, infatti, ha lasciato intuire che l’estensione dovrebbe essere lunga, ossia di almeno nove mesi, e includere nuove elezioni generali o un nuovo referendum sulla Brexit. E ovviamente sarebbero più che probabili le elezioni europee a maggio anche per i britannici.

Intanto proseguono le trattative tra Theresa May e il leader dell’opposizione Jeremy Corbyn, tra mille alti e bassi, tanto che Corbyn, dopo l’incontro di ieri, prima ha detto che era andato molto bene, poi ha commentato che era stato un incontro inconcludente. I due, però, devono assolutamente cercare di venirsi incontro per fare in modo che al Consiglio Europeo del 10 aprile l’UK si presenti con un piano concreto e alternativo per convincere i 27 membri dell’UE che Londra può davvero uscire in modo “ordinato”.

Per ora Corbyn sembra saldo sulla sua posizione di ricorrere a un secondo referendum soltanto in caso di un “brutto accordo” o di “no deal”. All’interno dell’opposizione, però, c’è chi vorrebbe il referendum in qualsiasi caso, quindi anche se May e Corbyn raggiungono un accordo.

Brexit voto contro no deal Camera dei Comuni


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin