Brevi dal mondo: Myanmar, Arabia saudita, Tunisia



Facebook ammette la diffusione di odio verso i Rohingya Facebook ammette di avere responsabilità nell’incitamento alla violenza in Myanmar contro la comunità Rohingya, vittima di un genocidio tuttora in corso da parte delle autorità birmane. La società si è detta concorde con il rapporto che ha commissionato all’ente no-profit Business for Social Responsability dopo le accuse dell’Onu: il social non ha impedito la diffusione di contenuti violenti e ha creato «l’ambiente idoneo» alla proliferazione di violazioni dei diritti umani. Ora, … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin