bomba inesplosa e scritte pro-pastori davanti a sede elettorale


La bomba non è esplosa per un difetto nel confezionamento

Un fatto grave è avvenuto a Torpè, piccolo comune di circa 2500 abitanti in provincia di Nuoro. Nella tarda mattinata di ieri è stato ritrovato un ordigno inesploso su un davanzale della sede elettorale del Comune. Una bomba ad alto potenziale, realizzata utilizzando gelatina esplosiva da cava che, secondo le autorità, non è esplosa soltanto per un difetto nel confezionamento.

L’intenzione non era semplicemente quella di intimidire, bensì quella di far saltare in aria la sede del seggio elettorale. Considerato il materiale esplosivo utilizzato, qualora l’ordigno fosse esploso avrebbe potuto provocare ingenti danni anche alle abitazioni vicine. Davanti alla sede è stata anche ritrovata una scritta sull’asfalto: “No al voto per i pastori“.

La scritta suona come una rivendicazione da parte di uno (o più) dei pastori impegnati nelle proteste contro il prezzo del latte. In questo clima pesantissimo la Sardegna si prepara al voto di domenica prossima.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin