Beto, l’astro dem che sembra Bob Kennedy e “corre” a Washington


Beto, l’astro dem che sembra Bob Kennedy e "corre" a Washington

 Afp


 Beto O’Rourke




Di lui si dice che ha perso la sfida per il Senato in Texas ma potrebbe vincere la Casa Bianca. E Beto O’Rourke, il giovane liberal texano sosia di Bob Kennedy e con il quale ha in comune il nome, Robert, e le origini irlandesi, sembra fare di tutto per alimentare questa speranza. In un post pubblicato su Medium ha raccontato nel dettaglio la sua corsa mattutina a Washington Dc, che molti hanno letto come un’allegoria della sua voglia di correre per la presidenza contro Donald Trump nel 2020. “Sciarpa e cappello, scarpe da corsa ed ero fuori entro le 7:45”, ha scritto Beto.

“In alcuni punti non c’erano impronte. Le mie erano le prime nella neve fresca. In altri vedevo qualcuno che camminava davanti a me, prima un runner (solo i più pazzi escono oggi)”, sottolinea il carismatico 46enne che ha perso solo per un soffio una sfida che sembrava impossibile.

“Il mio ginocchio sinistro ha cominciato a farmi male. Era un po’ che mi dava fastidio. L’ho notato mentre mi piegavo o mi rialzavo dopo aver giocato con i bambini… Ho pensato a tornare indietro quando sono arrivato al Washington monument”, ha raccontato, lasciando trapelare nostalgia di casa. Ma è andato avanti, ha riferito, dopo essere stato incoraggiato da un sostenitore del Massachusetts che gli ha detto: “Grazie per essere quello che sei”.

Dunque non si è arreso dirigendosi verso il Lincoln memorial, salendo l’imponente scalinata. Come O’Rourke, anche Abramo Lincoln ha perso una corsa per il Senato nel 1858 prima di vincere la Casa Bianca, due anni dopo. Sulla parete del monumento “ho letto il secondo discorso inaugurale di Lincoln. Il mio corpo si è scaldato, il sangue fluiva, facendo muovere le mie gambe mentre leggevo. Parole così attuali come non riesco a descrivere o a spiegare se non con il fatto che mi sono sentito molto più vivo ne bel mezzo di una corsa, così come erano vive le parole che stavo leggendo”.

E dopo aver letto il discorso di Lincoln le “ginocchia non facevano più male” perché “forse avevo solo bisogno di scaldarmi”, insiste il democratico che alla fine del suo post parla del nevischio che gli punge la faccia e si chiede se il vento non sia cambiato. O’Rourke ha perso di soli 3 punti percentuali nel rosso Texas contro il repubblicano Tex Cruz mentre il partito dell’Asinello ha riconquistato il controllo della Camera.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin