Bankitalia rivede al rialzo il debito pubblico


Banca d'Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime fatte dall’Istat sul rapporto debito/Pil nel 2018, portandolo dal 132,1% al 132,2%. Un aumento piuttosto importante rispetto a quel 131,4% del 2017, che si traduce in diversi milioni di euro: in valore assoluto, infatti, il debito italiano al 31 dicembre 2018 ammonta a 2.322 miliardi di euro.

Rispetto alla stima fatta a metà del marzo scorso si tratterebbe di ben 5,3 miliardi in più. Alla fine del 2017, infatti, il debito delle amministrazioni pubbliche italiane erano stato a 2.269 miliardi di euro, pari al 131,4% del prodotto interno lordo.

Il motivo di questa revisione al rialzo, spiega Bankitalia, è da ricercare nell’ampliamento del perimetro delle amministrazioni pubbliche definito dall’Istat in accordo con l’Eurostat: nel 2016 è stata inclusa anche Concessioni autostradali venete, mentre dal 2017 si prendono in considerazione anche Rete ferroviaria Italiana, FerrovieNord, Invitalia, Cassa del Trentino, Finanziaria per lo sviluppo della Lombardia, Finanziaria regionale abruzzese, Finpiemonte, Finanziaria regionale Valle d’Aosta, Acquirente Unico e Ricerca sul sistema energetico.

L’ingresso di questi 10 enti dal 2016 ad oggi va quindi a gravare sulle stime fatte in precedenza, ma proprio stamattina il Ministro dell’Economia Giovanni Tria ha assicurato che il governo gialloverde metterà in atto delle misure che serviranno ad arginare il debito pubblico.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin