Bakri, sogno ancora una vita diversa e senza occupazione



Sedici anni fa Mohammed Bakri varcava di nascosto i «confini» chiusi del campo profughi palestinese di Jenin, in Cisgiordania, per filmare la devastazione lasciata dall’operazione militare israeliana Scudo difensivo, in seguito alla quale la città è stata tagliata fuori dal mondo per settimane. «All’epoca ero considerato un uomo di pace, che parlava della possibilità di vivere insieme senza occupazione. Credevo che quel film avrebbe potuto cambiare le cose – racconta Bakri – Ero molto ingenuo, ma non avrei mai immaginato … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin