Avon si scusa per lo spot ‘umiliante’ contro la cellulite


Avon si scusa per lo spot 'umiliante' contro la cellulite

 Afp


Jameela Jamil




Alla fine l’ha spuntata l’attrice britannica Jameela Jamil che via Twitter aveva accusato il colosso della cosmesi Avon di umiliare le donne con la promozione di prodotti contro la cellulite. Avon è stata costretta a pubbliche scuse. “Abbiamo sbagliato con questo messaggio” – nonché a ritirare la sua campagna di marketing per un gel anti-cellulite. Jamil aveva attaccato in particolare uno spot che ritraeva una donna sorridente in shorts con a corredo il messaggio: “Le fossette sono carine sul tuo viso, non sulle cosce”.

La protagonista di The Good Place, classe 1986, aveva tuonato sabato: “Tutti hanno buchi sulle cosce. Ce li ho io, ce li avete voi e ce li hanno sicuramente anche i pagliacci di Avon. Smettetela di umiliare le donne per l’età, la forza di gravità e la cellulite. Sono cose inevitabili e totalmente normali. Farcele temere o cercare di aggiustarle è letteralmente portarci al fallimento”. L’attacco contro Avon era immediatamente diventato virale. L’attrice ha poi ringraziato Avon per le scuse e per aver ascoltato la protesta.

Nel mirino di Jameela, impegnata in una personale lotta contro il “body shaming”, erano finiti anche prodotti per il dimagrimento. La star ha anche criticato le colleghe vip Cardi B e Khloe Kardashian per aver promosso inutili thè lassativi. Vinta una nuova battaglia, Jameela Jamil non ha intenzione di abbandonare il campo: darà vita ad una compagnia volta a promuovere la filosofia della “positivita’ del corpo”, grazie alle esperienze raccolte sul suo account Instagram dal titolo significativo: “I Weigh”, ovvero io peso, ma anche conto. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin