Aston Martin presenta il Suv Lagonda All-terrain di lusso e a zero emissioni


Nome antico, concetto moderno. Aston Martin svela il 5 marzo al Ginevra Motor Show la sua Lagonda All-Terrain, prototipo di Suv a elettroni che uscir dalla linea di montaggio nel 2021. Figlia della berlina Vision Concept presentata lo scorso anno a Ginevra, la All-Terrain sar il primo modello prodotto da Lagonda, il nuovo marchio Luxury e 100%elettrico della Casa di Gaydon, e sar seguita un anno dopo dalla berlina. Obbiettivo dichiarato: far concorrenza a Bentley e Rolls-Royce.

Rispetto al concept presentato un anno fa, la All-Terrain guadagna in altezza e in spazio nell’abitacolo, pensato per cinque persone. Unico dettaglio svelato finora con un teaser ufficiale, il posteriore con calandra a V incastonata in un elemento che avvolge i gruppi ottici.

Lagonda non un nome scelto a caso, ma un revival di altre auto rivoluzionarie. Si chiamavo cos la casa automobilistica fondata nel 1906 in Inghilterra da Wilbur Gunn, un cantante d’opera statunitense poi naturalizzato scozzese: produsse una ventina di modelli, ed ebbe un discreto successo nelle competizioni sportive. Alla morte di Gunn, il marchio venne rilevato da Walter Owen Bentley e poi acquistato da David Brown, gi proprietario di Aston Martin.

L’ultimo modello col marchio Lagonda fu la Rapide, prodotta dal 1961 fino al 1964. Tra il 1976 e il 1989, la Aston Martin rispolver il nome realizzando il modello chiamato Aston Martin Lagonda, una berlina di lusso con carrozzeria in alluminio lunga pi di 5 metri con motore V8 di 5340 cm da 320 c. Segu una seconda generazione, prodotta nel 2014 in soli 100 esemplari. Montava un motore V12 da 6 litri e 600 cavalli.

A Ginevra ci saranno anche tre vetture sportive di serie Aston Martin: Vantage, DB11 AMR e DBS Superleggera. Due di queste auto sono opera del servizio di personalizzazione su misura di Aston Martin, Q di Aston Martin.

28 febbraio 2019 (modifica il 28 febbraio 2019 | 18:01)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Autore dell'articolo: admin