Assolto l’ad di Autostrade. Esplode in aula la rabbia dei familiari delle vittime



«Vergogna, venduti. Questa non è giustizia» hanno gridato ieri nell’aula del tribunale di Avellino i familiari delle 40 vittime del bus che, il 28 luglio 2013, precipitò dal viadotto dell’A16 Acqualonga. La rabbia è esplosa alla lettura della sentenza di primo grado del giudice monocratico Luigi Buono, che ha assolto Giovanni Castellucci, ad di Autostrade per l’Italia, la società che gestisce l’arteria, accusata dal pm di scarsa manutenzione delle barriere protettive. «Castellucci è un assassino», ripetevano i parenti delle vittime. … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin