ArcelorMittal, Di Maio: "Nessuna immunità"


ArcelorMittal Taranto

Il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha preso parte questa mattina al Tavolo del Contratto istituzionale di sviluppo per Taranto per risolvere la questione legata all’acciaieria di ArcelorMittal, l’ex Ilva, a pochi giorni dalla annunciata cassa integrazione per quasi 1.400 operai dell’acciaieria.

Al tavolo hanno preso parte anche il ministro per il Sud Barbara Lezzi, il ministro della Salute Giulia Grillo, quello dell’Ambiente Sergio Costa, il ministro ai Beni Culturali Alberto Bonisoli e il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, mentre stavolta non erano state invitate le associazioni ambientaliste. Presenti, invece, tutti gli enti coinvolti nel contratto.

ArcelorMittal aveva lanciato un appello al governo pochi giorni fa, chiedendo tra le altre cose di fare un passo indietro sull’abolizione dell’immunità penale. Di Maio, però, ha categoricamente escluso questa possibilità:

Non devono esistere immunità parlamentari in una situazione così delicata, ma sono al lavoro per la Cassa integrazione. Chiederemo chiarimenti sul perché a Mittal. Se si rispetteranno i patti come li abbiamo firmati non ci sarà nulla da temere.

Il vicepremier ha precisato che

Per Taranto c’è una dotazione finanziaria di un miliardo di euro di investimenti assegnati e solo 300 milioni erano stati utilizzati quando ho presieduto i tavolo il 24 aprile scorso, oggi sono 700 i milioni impegnati e la cosa più importante di tutte è che entro settembre avremo la possibilità di vedere 500 milioni in fase di esecuzione assegnati ai progetti.

Il Ministro Bonisoli, presente al tavolo, ha confermato un piano di investimenti per la città di Taranto, finalizzato a riqualificare alcune zone e ristrutturare gli spazi pubblici a disposizione:

Questo gruppo di lavoro, denominato ‘Taranto Nuova’, che coordino, si occupa soprattutto di rigenerazione urbana. L’obiettivo è quello di utilizzare al meglio i fondi che lo Stato mette a disposizione attraverso diversi strumenti per riqualificare e ristrutturare edifici e spazi pubblici.

Nello specifico, Bonisoli ha anticipato:

Dobbiamo valorizzare gli edifici con vocazione culturale per una ricaduta di tipo economico che può generare anche posti di lavoro. C’è un piano di intervento che riguarda la città vecchia con una dotazione di 90 milioni di euro e siamo giunti a programmare l’intera somma a disposizione. Sono 12 gli interventi già operativi e due in aggiunta quando il Comune di Taranto provvederà ad espropriare gli edifici che diventeranno di proprietà pubblica. Poi pensiamo agli interventi sulle mura aragonesi e il primo cantiere è già aperto, agli spazi urbani, alla ristrutturazione di Palazzo degli Uffici con una riqualificazione complessiva che consentirà anche l’espansione del vicino museo MarTA.

PROSEGUI LA LETTURA

ArcelorMittal, Di Maio: “Nessuna immunità” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 14:33 di Monday 24 June 2019


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin