Android, gli utenti sceglieranno browser e motore di ricerca


Lo scorso anno Google ha ricevuto una multa di 4,34 miliardi di euro dalla Commissione Europa per abuso di posizione dominante. L’azienda di Mountain View ha ora deciso di offrire agli utenti la possibilità di scegliere quale browser e motore di ricerca utilizzare su Android.

L’azienda di Mountain View ha sempre sostenuto che il suo sistema operativo permette facilmente di trovare e installare alternative a Chrome e Google Search. Nonostante ciò, la Commissione Europa ha inflitto a Big G una multa salatissima, contro la quale è stato presentato un ricorso. In attesa dell’esito, Google ha comunque modificato il modello di licenza, creando licenze separate per Google Play, Chrome e Search. I produttori di smartphone possono quindi installare app alternative.

Nei prossimi mesi ci sarà un’importante novità per gli utenti europei (vecchi e nuovi). In modo analogo al famoso “ballot screen” di Microsoft, Google mostrerà le alternative a Chrome e Search. L’azienda non ha al momento specificato quando e come. Tra altro l’unico vero concorrente su Android è Firefox di Mozilla, in quanto tutte le altre software house usano Il motore di rendering di Chrome, ovvero Blink. Uno dei motori di ricerca sarà sicuramente DuckDuckGo, già aggiunto come opzione a Chrome.

Quasi contemporaneamente all’annuncio su Android, la Commissione Europa ha inflitto a Google una nuova multa di 1,49 miliardi di euro. In questo caso l’abuso di posizione dominante è relativo alla piattaforma AdSense for Search. L’azienda di Mountain View avrebbe “imposto una serie di clausole restrittive nei contratti con siti web di terzi che hanno impedito ai concorrenti di inserire su tali siti le proprie pubblicità collegate alle ricerche”.

La prima multa di 2,42 miliardi di euro, comminata nel 2017, riguardava invece Google Shopping. In totale Google dovrà pagare 8,25 miliardi di euro, se gli appelli verranno respinti.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin