Albania, si dimettono i deputati del Partito Democratico


Si sono dimessi tutti i 43 deputati all’Assemblea della Repubblica di Albania


I rappresentanti del Partito Democratico albanese – formazione di centro-destra – hanno deciso di dimettersi dall’Assemblea Nazionale. L’obiettivo è sempre lo stesso: ottenere un Governo di transizione che possa traghettare il Paese verso elezioni anticipate. Viceversa, le proteste non cesseranno.

Il Primo Ministro, Edi Rama, è accusato di corruzione e di collusione con il crimine organizzato. Fatti gravi che hanno spinto Lulzim Basha, leader del Partito Democratico, a chiedere ai suoi compagni di partito di rinunciare al seggio in parlamento per cercare di scuotere il Governo. Le dimissioni, però, non rappresentano un’opzione per Rama: “Ho avuto un mandato chiaro dal popolo, abbiamo una maggioranza netta in Parlamento e alla fine io ho un obbligo nei confronto dei miei connazionali. Non sono obbligato a dare seguito alle richieste della minoranza parlamentare. L’unico obbligo è il contratto con il popolo albanese che ci ha dato il voto per governare“.

Alle parole di Rama ha replicato Basha, che ha ribadito le accuse oltre ad indire una nuova manifestazione nella Capitale per la giornata di giovedì: “Nessuno potrà fermare la rivolta popolare, andremo avanti fino a quando non avremo scardinato questo sistema marcio, corrotto, composto da persone legate alla criminalità organizzata. Qui la corruzione è galoppante. Le intercettazioni della magistratura dimostrano che Edi Rama ha comprato i voti e i seggi attraverso il crimine organizzato in almeno quattro circoscrizioni elettorali importanti dell’Albania“.

Secondo Basha oggi in Albania “governano banditi e narcotrafficanti“.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin