Alba Donati, una musa civile in Garfagnana



«Dopo il crollo ci si chiedeva dove fosse stato / Dio in quei pochi minuti. Ma era così facile: / era il figlio sotto le mura piene di sabbia / era quei nomi, Antonina, Luisa, Luigi / era la mano stretta fino alla scomparsa del mondo. / A non crederci ci si perdeva nella confusione / delle responsabilità e delle colpe / della sfortuna maledetta che colpisce i più fragili». L’accostamento di poesia e cronaca, attualità, di regola mortifica l’una … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin