Ad Alessandro Di Battista non piace come lavora Bankitalia e vorrebbe cambiarla


alessandro di battista contro bankitalia

 Facebook
 


 Alessandro Di Battista




“Ero preoccupatissimo, non ci dormivo la notte, mi chiedevo: ‘Possibile che Bankitalia non sia ancora intervenuta pubblicamente per criticare il Def, quindi il reddito di cittadinanza, quindi la modifica della Fornero, quindi il Governo?’. D’altronde erano già intervenuti tutti: Moscovici, Junker, Mario Monti, Cottarelli da Fazio, poi Cottarelli da Fazio, e poi Cottarelli da Fazio, e ancora Cottarelli da Fazio, e poi la Fornero, quel che resta del Pd, quel che resta di Forza Italia, quel che resta di Renzi, quel che resta dei resti di Berlusconi, svariati burocrati senza volto, quegli strozzini legalizzati del Fondo Monetario Internazionale… mancavano solo il Trio Drombo, Skeletorn, gli Exogini e, per l’appunto, Bankitalia. Ora sì che sto tranquillo”.

Leggi anche: Quali sono le critiche di Bankitalia alla manovra del governo

Alessandro Di Battista su Facebook commenta con queste parole le critiche arrivate da Palazzo Koch alla manovra messa a punto dal governo. “La verità – aggiunge l’esponente pentastellato – è che oggi, Bankitalia, è di fatto controllata dalle banche private che dovrebbe controllare e le banche private sono incazzate nere, non perché ci sarà deficit al 2,4%, ma perché, per la prima volta, si distribuiscono risorse alla povera gente e non a loro. Questo è un precedente pericoloso per tutto il capitalismo finanziario (nemico dell’economia reale!)”.

Leggi anche: L’Ufficio parlamentare di bilancio non valida il Def. “Eccessivo ottimismo sul Pil”

Di Battista è un fiume in piena. “Dove stavano questi signori  quando il debito pubblico italiano aumentava di 60 miliardi di euro sotto il governo Letta, di 122 sotto Renzi e di 53 nei 170 giorni a Palazzo Chigi di Gentiloni? Tutti zitti, d’altronde le banche d’affari erano soddisfatte, dettavano i decreti al governo, facevano pressione affinché la Boldrini zittisse i deputati del Movimento 5 Stelle che stavano combattendo come leoni contro il decreto Bankitalia – un ignobile regalo di denari pubblici alle banche private – contavano i soldi che Gentiloni riusciva a trovare per loro in un consiglio dei ministri durato 28 minuti!”.

Leggi anche: Sia Savona che Tria hanno ammesso la loro preoccupazione per lo spread. Cambia la manovra?

“Io – conclude – perdonate il turpiloquio, mi sono fatto il culo per 5 anni girando tutte le piazze italiane mettendo in guardia i cittadini italiani dal capitalismo finanziario, dai conflitti di interesse tra Dipartimento del Tesoro e banche d’affari e spiegando quanto sia urgente, proprio per difendere i loro risparmi, una modifica della governance di Bankitalia e la separazione tra le banche d’affari e le banche commerciali. Mi auguro che il governo, passata la legge finanziaria, metta mano a tutto questo perché democrazia significa potere ai cittadini, non agli avvoltoi del secolo!”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin