accordo tra Lega e M5S, ecco cosa prevede


trivelle lega m5s

Lega e Movimento 5 Stelle trovano una sintesi dopo le tensioni di ieri sulla questione relativa alle trivelle nel Mar Ionio. Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, aveva dichiarato via Facebook di non avere alcuna intenzione di dare il via libera alle trivellazioni minacciando al contempo le proprie dimissioni, ma il sottosegretario leghista Garavaglia lo aveva ammonito: “L’ultima parola spetta alla politica”. Nella notte, però, le distanze sono state ricomposte – dicono fonti vicine al Movimento – sulla base di un compromesso che accontenterebbe un po’ tutti.

L’accordo notturno sulle trivelle prevede uno stop alle ricerche in mare di idrocarburi di 18 mesi e un aumento dei canoni di concessione di 25 volte (rispetto alle 35 della precedente bozza). Tramite questa intesa, ora, dovrebbe giungere in aula al Senato un nuovo emendamento al decreto semplificazioni, che ha subito uno stop in commissione nella giornata di ieri. All’interno del dl semplificazioni, oltre alle trivelle, sono state inserite altre misure importanti come i risarcimenti per le vittime della tragedia di Rigopiano e il ripristino degli sgravi Ires per il no profit. Il dl semplificazioni è attualmente in prima lettura a Palazzo Madama e deve poi passare alla Camera dei Deputati entro il 12 febbraio.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin