accordo, ecotassa solo su auto di lusso


Accordo nella maggioranza dopo il vertice del 16 dicembre fra i leader. Resta il bonus per l’acquisto delle auto a basse emissioni ma resta anche la tassa sull’acquisto delle auto ad alte emissioni, limitata però alle vetture di lusso. Nei giorni scorsi la Lega aveva presentato un emendamento per cancellarla, probabilmente verrà ritirato

Aggiornamento 17/12 – Contro-contrordine. La tassa sulle emissioni, altrimenti chiamata ecotassa, non si cancella più, però si trasforma. Secondo quanto emerge dall’incontro tenuto nella serata del 16 dicembre tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i due leader della maggioranza, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, è stato raggiunto il seguente accordo: resta il bonus per l’acquisto delle auto a basse emissioni, soprattutto elettriche; ma resta anche la tassa su quelle ad emissioni più alte, limitata però alle sole autovetture di lusso. Non si conoscono al momento i dettagli dell’operazione, cioè la cosa più importante. Nemmeno si sa se verrà ritirato l’emendamento presentato nei giorni scorsi dalla Lega in commissione al Senato, in cui si proponeva di cancellare completamente il provvedimento approvato dalla Camera; probabile che venga ritirato, a questo punto. Una cosa è però certa: viene istituita una nuova tassa sull’auto, cioè il contrario di quanto entrambi i leader della maggioranza vanno ripetendo da una decina di giorni.

 

Tassa sulle emissioni, si cancella anzi no

16/12 – Nei giorni scorsi era ventilata un’ipotesi di cancellazione della tassa sulle emissioni, prima dell’incontro al vertice del 16 dicembre tra i leader della maggioranza. Durante l’esame della legge di bilancio 2019 in commissione al Senato, in cui è contenuto il provvedimento che istituisce un contributo per l’acquisto di autovetture a basse emissioni (prevalentemente le auto elettriche) ma anche una tassa sull’acquisto delle auto ad emissioni più alte, la Lega ha presentato un nuovo emendamento; esso elimina il precedente, fatto passare alla Camera da un blitz del Movimento 5 stelle. Il nuovo emendamento deve ancora essere votato. Ma è possibile che questo passaggio salti, perché nelle ultime ore è circolata l’ipotesi di un approdo della legge di bilancio direttamente in aula, saltando il passaggio in commissione, dati i tempi ridotti (il bilancio dello Stato deve essere approvato entro il 31 dicembre, altrimenti si entra nell’esercizio provvisorio, che aggraverebbe ulteriormente i problemi).

Il contrasto tra le due componenti della maggioranza continua ad essere forte. Immediatamente dopo l’approvazione dell’emendamento che istituiva la tassa sulle emissioni e le numerose proteste arrivate dal settore produttivo, la Lega aveva espresso con decisione la propria contrarietà. Matteo Salvini ha pubblicamente annunciato che si sarebbe opposto a qualsiasi nuova tassa sulle auto. Il Movimento 5 stelle è combattuto fra una parte che si è resa conto che il meccanismo bonus/malus andrebbe a colpire soprattutto chi può permettersi solo auto di basso prezzo (quelle proporzionalmente più colpite dalla nuova tassa), e l’ala vicina alle fasce più intransigenti degli ambienti ecologisti. Lo stesso Luigi Di Maio sta cercando di barcamenarsi fra queste due sponde interne; ha tuttavia dichiarato che anche il Movimento 5 stelle interverrà per modificare questo provvedimento.

Il M5S sta cercando di spostare l’attenzione sul lato bonus, di cui saranno beneficiarie quasi esclusivamente le auto elettriche. Ma poiché non viene messo alcun limite di prezzo o classe della vettura, si ottiene l’effetto socialmente molto antipatico di regalare uno sconto di 6.000 euro di soldi dei contribuenti anche a chi può permettersi di spenderne centomila per una Tesla o altre auto elettriche di gran lusso. Il sottosegretario pentastellato alle infrastrutture, Michele Dall’Orco, ha dichiarato: “Il bonus per le auto elettriche è una misura imprescindibile, deve rimanere e le risorse di copertura da qualche parte ci devono essere“. Come trovarle e applicarle è tutto da stabilire.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin