A Parigi riesplode la rabbia dei gilet gialli


gilet gialli scontri



I ‘gilet gialli’ tornano in piazza a Parigi, con violenza e odio nei confronti della polizia. “Suicidatevi”, hanno inneggiato facendo riferimento a un aumento di suicidi tra le forze dell’ordine. 

I manifestanti criticano ancora il presidente Emmanuel Macron, che ha rinviato a giovedì prossimo le misure annunciate per rispondere anche al movimento, e non accettano la corsa di generosità e solidarietà per la ricostruzione di Notre Dame che, secondo chi manifesta, ha mostrato il volto della disuguaglianze nel Paese, con persone ricche che possono donare centinaia di milioni di euro con un semplice click.

Sono 27.900 le persone che in tutto il Paese sono tornate a manifestare per il 23esimo atto dei ‘gilet gialli’, affiancati anche dal nero dei black bloc. In calo rispetto ai 31.100 della settimana scorsa ma a Parigi, dove oggi erano in 9 mila, sono raddoppiati. Così come è aumentata la violenza: diverse auto sono state date alle fiamme, alcuni negozi sono stati saccheggiati e non sono mancati gli scontri con la polizia che ha fatto ricorso a gas lacrimogeni, in particolare in Place de La Republique.

“Suicidatevi, suicidatevi”, hanno urlato i manifestanti contro la polizia, facendo riferimento a un allarmente aumento di suicidi tra le forze dell’ordine. Il ministro dell’Interno, Christophe Castaner, l’ha definita “una ignominia vergognosa”.

La polizia, schierata con 60 mila uomini, ha arrestato 227 persone e oltre 20.500 sono state fermate per controlli preventivi. Il ministro dell’Interno ha lodato il loro operato, che “ha protetto le proprietà e le persone”, ma la sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, non è stata dello stesso avviso.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin